UNA FIORENTINA TUTTA CUORE!

UNA FIORENTINA TUTTA CUORE!

429VISUALIZZAZIONI

È stata una Fiorentina dai due volti ieri sera contro il Milan. Da un lato una Viola troppo bassa e intimorita, con poche idee; dall’altra una Viola rimasta in dieci capace di crederci, creare occasioni, trovare il pareggio e sfiorare addirittura il vantaggio... Una Fiorentina tutta cuore.

Poteva essere la conferma che attendevamo dopo la bella (e larga) vittoria di Genova, invece si è fatto un passo indietro sul piano del gioco e della manovra. Ancora una volta, si sono palesate difficoltà caratteriali nel giocare di fronte al proprio pubblico (a proposito, chapeau tifosi viola!). Ma è un punto preziosissimo, che dobbiamo tenerci stretto, contro una squadra (un po’) superiore e più in salute. È un punto che fa classifica - non dimentichiamoci che l’obiettivo numero uno è ancora mettersi in salvo -, grazie anche a degli episodi andati a favore dei ragazzi di Iachini: il fallo di mano di Ibrahimovic, secondo le nuove regole, c’è e quindi è stato giusto annullare il gol (anche se significa la morte del calcio), mentre il rigore su Cutrone può starci tutto; il rosso di Dalbert, invece, è decisamente esagerato, ma l’impressione è che restare in dieci abbia paradossalmente compattato la squadra e le abbia permesso di esprimersi meglio. Restare in dieci e l'inserimento di un motivatissimo Cutrone.

Adesso prendiamoci il cuore e la voglia di questi ragazzi, consci che occorre alzare il baricentro e ripartire dal gioco: i risultati, alla lunga, arrivano solo con un gioco (più) propositivo. La strada è lunga ma le basi ci sono tutte, perciò coraggio.

Articolo di Giacomo Cialdi