SQUADRA IN CRESCITA. GRANDE TÒFOL!

SQUADRA IN CRESCITA. GRANDE TÒFOL!

409VISUALIZZAZIONI

Una partita che non può essere come le altre, per il ricordo di quel tragico 4 marzo 2018. Una partita da dentro o fuori: l’importante era vincere e passare il turno. La Fiorentina ci è riuscita mostrando qualche timido passo in avanti rispetto alla prestazione orribile di domenica contro il Benevento. Un ottimo Amrabat, un buon Borja Valero, e un provvidenziale Montiel. Grande intuizione quella di Cesare Prandelli e gran colpo del talentuosissimo spagnolo (adesso merita un po’ di fiducia!). Un gol che ha posto rimedio all’ormai consueta difficoltà a trovare il gol. Kouame e soprattutto Vlahovic sono apparsi in difficoltà, con il serbo incapace di lasciare il timbro in almeno due occasioni. Errori gravi, quelli del giovane Dusan, che danno la misura di quanto sia brutto il suo momento. Anzitutto psicologicamente. E che riportano in auge - a dir la verità è stato sempre un tema attuale - l’esigenza di un bomber. Gennaio è vicino: serve un colpo vero in attacco.

Per il resto, la Viola ha fatto ciò che doveva, portando avanti uno degli obiettivi stagionali. Uscire dalla Coppa Italia a novembre sarebbe stato un duro colpo per l’autostima della squadra. Come dice il detto, vincere aiuta a vincere. Perciò guardiamo con un po’ di sano ottimismo a domenica: a San Siro contro il Milan la squadra di Prandelli dovrà dimostrare di essere in crescita, giocare con coraggio e fare punti. Per il morale, certo, ma soprattutto per la classifica che, al momento, è brutta e pericolosa.

Articolo di Giacomo Cialdi