SCONFITTA IMMERITATA, SOLITI DIFETTI

SCONFITTA IMMERITATA, SOLITI DIFETTI

553VISUALIZZAZIONI

Alla Fiorentina vista ieri non si può rimproverare la mancanza d’impegno, specie nel secondo tempo, perché la squadra ha giocato meglio di altre volte, ha creato diverse occasioni per segnare e avrebbe meritato almeno il pareggio. Ancora una volta, però, sono apparsi evidenti i problemi - macroscopici - che accompagnano la Viola da molto tempo. Due su tutti: in attacco, anche quando si vengono a creare ottime occasioni da gol, non si riesce a segnare, vuoi perché imprecisi o perché ci si mette di mezzo la sfortuna; dietro si subiscono troppe reti (35 in 22 gare), complici errori di singoli o di reparto. Il risultato, dunque, è che la Fiorentina oggi segna pochissimo e subisce troppo. Se a questo si aggiunge che Dragowski può avere una giornataccia, che Prandelli ritarda il momento dei cambi e la rosa, diciamolo ancora una volta, non dà alternative di livello - complice un mercato invernale, come già sottolineato, che non ha rinforzato, almeno nell’immediato, la squadra e non ha corretto lacune evidenti -, è facilmente comprensibile il perché si navighi nei bassifondi della classifica. E perché non sarà assolutamente banale uscirne.

Se vogliamo guardare il bicchiere mezzo pieno, partendo dal presupposto che essere ipercritici oggi serve a poco, dobbiamo concentrarci sui segnali positivi: l’atteggiamento, l’ottavo timbro di Vlahovic, la buona prestazione di Pulgar, la crescita costante di Quarta (che ha demeriti sul gol di Quagliarella, ma nel complesso, a mio parere, merita la sufficienza)... Ci vorrà tutto questo per venir fuori dalle sabbie mobili. E occorrerà ritrovare la perduta solidità difensiva. A partire da venerdì contro lo Spezia, avversario in grande forma, in quella che sarà ancora una volta una sfida decisiva. Abituiamoci: saranno gare decisive fino alla fine.

Articolo di Giacomo Cialdi