PUCCI: “GATTUSO UNA GARANZIA. BRAVA ACF”

PUCCI: “GATTUSO UNA GARANZIA. BRAVA ACF”

1020VISUALIZZAZIONI

La notizia di ieri pomeriggio circa l'ingaggio di Rino Gattuso ha dato una scossa positiva a tutto il mondo Fiorentina, che plaude la scelta della società e guarda con più ottimismo al futuro. Abbiamo commentato l'arrivo dell'ex Napoli insieme a Filippo Pucci, presidente dell'Associazione Centro Coordinamento Viola Club.

Presidente, cosa significa l'arrivo di Rino Gattuso a Firenze?

«Gattuso ha dimostrato di essere un allenatore di un certo livello, di far giocare bene la propria squadra e saper fronteggiare le difficoltà. Penso che il suo arrivo debba tranquillizzare i tifosi della Fiorentina: avere un mister come lui è garanzia di ripartenza, significa avere davanti un programma ambizioso. Sono molto soddisfatto!».

E' il segnale che la tifoseria aspettava?

«Assolutamente sì. Firenze in questo momento ha bisogno di un allenatore che ci mette la faccia, come successo in passato con altri tecnici, e Gattuso è proprio uno di questi. Con lui possiamo dormire sonni tranquilli».

Cosa porta Gattuso in più di altri?

«L'anima. Rino è un sanguigno, uno che quando sposa una causa mette tutto se stesso fino alla fine. Gattuso è sinonimo di grinta, di carattere... e dopo le ultime annate non è poco».

Dopo due stagioni deludenti (tre, se consideriamo anche l'ultima della gestione precedente), vediamo finalmente una luce...

«Per la tifoseria sono state stagioni amare purtroppo, ma adesso siamo pronti a divertirci. Sarà fondamentale stare uniti: per ottenere risultati servirà un ambiente coeso, con tutte le parti a remare in una sola direzione. Da buoni fiorentini siamo portati a criticare spesso, stavolta invece dobbiamo fare un grande plauso al presidente Commisso e alla dirigenza della ACF Fiorentina: hanno operato benissimo, con tempestività e compiendo la miglior scelta possibile. L'arrivo di Gattuso dev'essere uno stimolo per tutto l'ambiente. Adesso avanti così, fiduciosi che vedremo una bella Fiorentina!».

Intervista di Giacomo Cialdi