Pres. Viola Club Gruppo Ciociaro: "Non facciamo drammi per un pari. Coppa Italia, ci credo!"

Pres. Viola Club Gruppo Ciociaro: "Non facciamo drammi per un pari. Coppa Italia, ci credo!"

669VISUALIZZAZIONI

Speravo e speravamo tutti nella regola “non c’è due senza tre” ed invece non è andata così. Ero certo all’indomani della vittoria a Napoli che quella contro il Genoa poteva essere una gara piena di insidie, soprattutto quando i primi segnali arrivano dalla designazione arbitrale: con Orsato la Fiorentina non la ricordo mai vincente. Con questo non voglio lamentarmi dell’operato dell’arbitro ma a pelle, da tifoso, non lo reputavo un fattore positivo. Non è un caso che alla Fiorentina è stato negato un rigore nettissimo al minuto 87 e che avrebbe probabilmente regalato i tre punti. Certo, i rigori vanno segnati, come ha dimostrato Dragowski su Criscito ma intanto siamo alle solite: esiste il Var e va consultato. Al di fuori di tutto non è stata una bella Fiorentina, dalla Fiesole l’ho vista molto contratta e con molte sbavature nonostante l’impegno messo dai nostri ragazzi. Ritengo il risultato giusto, visto che le occasioni migliori purtroppo le hanno avute loro. Io direi di non fare drammi, un mese fa avevo paura di affondare ma la cura Iachini sembra che abbia ristabilito i piani della società al primo anno di gestione, con l’obiettivo di svolgere una stagione tranquilla. Ovvio, vincendo avremmo dato un grande smacco alle concorrenti ma negli ultimi tempi abbiamo preso una bella boccata d’aria. Mi sembra il minimo insomma. I problemi verranno nella prossima sfida contro la Juve, con le assenze pesanti di Milenkovic, Caceres e Castrovilli molto sfortunato a lasciare il campo per un malore. Occorre un miracolo vista la situazione ma intanto pensiamo alla Coppa Italia: Mercoledì io ci credo! E come dico sempre: la palla è tonda, ogni partita è una storia a sé! AVANTI TUTTA!

Federico Malandrucco, Presidente Viola Club Gruppo Ciociaro