NASTASIC: “FIRENZE? NON CI HO PENSATO DUE VOLTE”

NASTASIC: “FIRENZE? NON CI HO PENSATO DUE VOLTE”

444VISUALIZZAZIONI

Giornata di presentazioni, oggi, in casa Fiorentina: nella meravigliosa location dell'Hotel Il Salviatino, ha preso la parola in conferenza stampa il nuovo difensore viola Matija Nastasic. Queste le sue parole: "Sono contento di essere qui. Dieci anni fa sono arrivato a Firenze che ero solo un ragazzino e quando ho saputo che c'era l'opportunità di tornare a Firenze non ci ho pensato due volte. Io sono pronto e motivato ad aiutare la squadra".

Sulla difesa attuale: "A Roma abbiamo fatto una bella partita, non meritavamo di perdere. Sicuramente questa è una difesa che gioca in modo diverso rispetto agli ultimi anni. Ogni giorno impariamo qualcosa di nuovo dal mister, mi piace questo tipo di gioco e credo che possiamo fare tanto".

Su come sta fisicamente: "Io sto bene, sono al 100%, pronto per la partita di sabato. Ma spetterà al mister dire chi gioca. Sono pronto ad aiutare la squadra. Dobbiamo dare tutti il massimo se vogliamo fare una bella stagione".

Sul Torino: "Anche loro hanno cambiato allenatore, dobbiamo stare pronti. Non voglio parlare solo di Belotti, dobbiamo studiare per bene tutti gli avversari. La Serie A è cambiata tanto rispetto a quando ho giocato qui nove anni fa, adesso molte squadre giocano in modo offensivo e non solo per non prendere gol".

Su che aria si respira nello spogliatoio: "Dal primo giorno quando sono arrivato, ho sempre avuto un legame speciale con questa città. Tutti sappiamo che cosa voglia dire tifare viola per la città. Dobbiamo però dare tutti il 100%".

Sui due serbi viola che sono rimasti, ovvero Vlahovic e Milenkovic: "Quando sono arrivato ho parlato con tutti i serbi, non ho visto mai negli occhi loro la voglia di andar via da Firenze. Loro sono molto contenti di stare qui e sono due giocatori forti. Non ho dubbi che loro siano al 100% concentrati sulla Fiorentina. Loro daranno il massimo per riportare la Fiorentina in alto".

Sul filo rosso che lo lega alla Fiorentina: "Io ho sempre detto che un giorno sarei voluto tornare alla Fiorentina: spero di stare qui il più al lungo possibile. Non ho mai perso i contatti con i dipendenti della Fiorentina in questi anni, ecco perché sono sempre rimasto legato a questa società".

Su Commisso: "L'ho salutato, sono convinto che stia facendo un grande lavoro per riportare in alto la società".

Sulla difesa viola: "Gli altri difensori sono giovani ma tutti forti: ma l'età non significa nulla nel calcio. Sicuramente con la mia esperienza posso aiutare i miei compagni, tutti possiamo parlare dentro e fuori dal campo per fare i migliori risultati".

Sul numero 55: "Quando ero a Firenze nel 2011 scelsi il 15, nello Schalke avevo il 5 e allora, visto che erano già occupati, ho scelto il 55".


(foto di ACF Fiorentina)