Fattore C...

Fattore C...

21VISUALIZZAZIONI

Il 12 gennaio 1969 si disputò la tredicesima giornata del Campionato 1968-1969. Il calendario prevedeva il "derby dell'Arno" fra il neo-promosso Pisa (ultimo in classifica) e la Fiorentina (seconda in classifica ad un punto dalla capolista Cagliari). 

Si giocò in una giornata fredda e piovosa, al cospetto di uno stadio esaurito in ogni ordine di posti, e con moltissimi tifosi viola presenti sugli spalti. Il Pisa, nelle cui file militavano numerosi ex viola, quali Lenzi, Gonfiantini e Manservisi, partì subito all'attacco, e mise alle corde la Fiorentina. La difesa viola sbrogliò un paio di situazioni pericolose, e Superchi fu bravissimo ad opporsi a due conclusioni degli attaccanti pisani. La Fiorentina sembrava paralizzata ed incapace di reagire. Poi, al trentasettesimo minuto, una magia di Amarildo su calcio di punizione da trenta metri portò inaspettatamente ed immeritatamente in vantaggio i ragazzi di Pesaola. 

Nella ripresa la musica non cambiò, il Pisa continuò ad essere padrone del campo ed attaccò a spron battuto, ma vuoi per l'abilità dei difensori viola, vuoi per l'imprecisione degli attaccanti nerazzurri, vuoi grazie alla Dea Fortuna ( si ricorda, "in primis", un clamoroso "auto palo" di Rogora), vuoi per talune decisioni arbitrali quanto meno discutibili, la Fiorentina riuscì a condurre in porto una vittoria tanto preziosa quanto immeritata. 

Fu una giornata decisamente fortunata in tutti i sensi per la Viola, che, a seguito del pareggio interno del Cagliari contro il Napoli, raggiunse i sardi in testa alla classifica. E così, quella sera, i calciatori della Fiorentina, guidati dall'allenatore Pesaola e dal Presidente Baglini, poterono festeggiare il primato circondati dall'affetto e dall'entusiasmo dei soci dell'efficientissimo Viola Club Calci, che quella stessa sera, sotto l'impareggiabile regia del Presidente Pietro Notturni, aveva organizzato un bellissimo incontro conviviale, che si concluse con un augurale brindisi allo scudetto da parte di tutti i partecipanti. 

Roberto Romoli, Vice Presidente Associazione Glorie Viola