CHE BRUTTA FIORENTINA! TRE GIORNI PER...

CHE BRUTTA FIORENTINA! TRE GIORNI PER...

520VISUALIZZAZIONI

Dopo due prove positive, una serata da dimenticare: senza gioco, senza idee, lenti, con errori in tutti i reparti. Al di là delle défaillance individuali (vedi Kouame davanti alla porta, Ceccherini che causa il rigore, Dragowski sul gol vittoria della Samp), ieri sera sono emerse delle crepe che da settimane qualcuno - tra cui il sottoscritto - denuncia.

Prima di tutto l’assenza di un regista vero. Una mancanza che dura da anni e che, se non verrà posto rimedio, porterà al “sacrificio” di Amrabat. Il marocchino ieri sera è apparso un pesce fuor d’acqua, un calciatore sprecato in quella posizione. Serve un regista perché a lui spetta far girare la squadra, dettare il ritmo del gioco, smistare i palloni con quella precisione che contro i blucerchiati è mancata a tutti.

Poi, ancora una volta, si è notato quanto sia importante Franck Ribery per questo gruppo. Senza di lui, spesso, cala il buio. Ed essere così dipendenti da un classe ‘83, francamente, è grave. Come è evidente la dipendenza da Federico Chiesa: l’unico in grado di saltare l’uomo e creare pericoli. E viene spontaneo perciò pensare “Rifletteteci bene, prima di venderlo”.

Si è avuto l’ennesima conferma - non ce n’era bisogno - che Ceccherini non può fare il primo cambio difensivo nella Fiorentina. E questa oramai è una sentenza inappellabile.

Infine, sono riapparsi i primi fantasmi intorno a Beppe Iachini. Perché se la squadra non va, la responsabilità è sua (ma non solo sua); se non si vede una idea di gioco e non c’è stato un cambio di modulo nonostante lo svantaggio, la responsabilità è sua. E sono dunque legittimi i mugugni dei tifosi viola.

Mancano soltanto tre giorni alla fine del calcio mercato, e la prova di ieri non fa dormire sonni tranquilli. Pradè è chiamo a dimostrare di essere un grande Ds, perché c’è da rimettere a posto la squadra e risolvere alcune problematicità. Il lavoro da fare è tanto. In bocca a lupo a lui, e alla Fiorentina.


Articolo di Giacomo Cialdi