BIRAGHI: "GRAZIE IACHINI. MAGLIA VIOLA..."

BIRAGHI: "GRAZIE IACHINI. MAGLIA VIOLA..."

189VISUALIZZAZIONI

Sulle pagine di "Tuttosport" questa mattina in edicola troviamo una lunga intervista al terzino della Fiorentina Cristiano Biraghi, alla vigilia della gara contro il Milan. Queste le sue dichiarazioni a partire dalle difficoltà incontrate dalla squadra: «Quando accadono queste cose non ci sono mai un solo motivo e un solo colpevole. Eravamo partiti anche bene poi qualcosa si è inceppato e non siamo riusciti a rendere come volevamo. Anche noi calciatori abbiamo le nostre responsabilità». 

Su Iachini e Prandelli: «Voglio ringraziare Iachini, ha creduto tanto in me facendomi sentire importantissimo. Ora con Prandelli stiamo facendo un lavoro diverso, lui è un ottimo allenatore e la sua carriera lo dimostra. Certo non ha la bacchetta magica e ci vorrà un po’ di tempo per assimilare le sue idee di gioco, ma credo che siamo sulla strada giusta». 

Sulla vittoria a Udine: «Sicuro, volevamo quel risultato su un campo sempre ostico, abbiamo dimostrato di essere un gruppo compattandoci nelle difficoltà, ora dobbiamo continuare così». 

Su Pioli: «È stato un secondo padre, venivo da un periodo non molto felice della mia carriera e mi ha dato grande fiducia e autostima, con lui sono cresciuto tantissimo fino ad arrivare in Nazionale. Gliene sarò per sempre grato, spero di rivederlo presto in panchina (questo virus è un incubo) e gli auguro sempre il meglio tranne domani… (ride)».

Sulla difficoltà nel trovare il gol: «I nostri attaccanti sono giovani ma molto validi, detto ciò bisogna crescere e migliorare tutti assieme». 

Su come vive la gara contro il Milan da ex interista: «Non ho mai nascosto di essere legato a quei colori e la sfida col Milan è sempre speciale. Ma ora sono un calciatore della Fiorentina legatissimo a questa maglia e a questa città che mi ha dato tanto. Quindi spero di fare una grande gara per la squadra e per Firenze».  

Sull'attaccamento invocato da Prandelli: «Giustissimo, indossiamo una maglia gloriosa e rappresentiamo una tra le città più famose al mondo. Ne dobbiamo essere tutti sempre consapevoli». 

Sul Milan: «Beh, c’è sempre una prima volta…Battute a parte, loro vorranno continuare a far bene ma noi abbiamo bisogno di punti e cercheremo di prenderceli». 

Sul duello Ribery-Ibra: «Vederli nella stessa gara sarebbe stato bellissimo, speriamo accada al ritorno magari con lo stadio Franchi pieno. Franckè un fenomeno, l’augurio è che stia bene».