L'opinione di Giorgio

L'opinione di Giorgio

195VISUALIZZAZIONI

Ora che la Fiorentina è venduta, a Firenze saranno finalmente contenti e soddisfatti. Del resto, la Storia racconta che anche Dante fu cacciato : sì, perché di cacciata si tratta nei confronti dei Della Valle. La tifoseria è viscerale... Vuole proprietà fiorentina, con passioni e sentire propri dei fiorentini, faziosità comprese. Ma ora come la mettiamo? Da tifoso spero che la situazione vada a migliorare... Ma rimango dubbioso. Nonostante tutto per allestire una grande squadra ci vorranno diversi anni e..... Tanti soldi. I soldi si fanno con programmi precisi, con bilanci corretti e con strutture adeguate. Rimprovero a Firenze di non aver avuto fiducia nei Della Valle, e di non aver colto l'avversione della politica ufficiale nei confronti della famiglia. La proprietà è rimasta per 10 anni in attesa di un "via libera" per lo Stadio. Ma la politica si è negata, dietro gli steccati delle burocrazie, gli impedimenti, i rinvii infiniti ecc. Ogni imprenditore si sarebbe arreso a questo stillicidio..... Ma la tifoseria non si è domandata niente, cieca e muta di fronte a tutto questo. Non ha voluto capire che una struttura sportiva di tali dimensioni avrebbe permesso ottimi introiti, e con essi anche investimenti adeguati a fare una squadra vincente. Forse, però, dava fastidio a tanti politici pensare che la famiglia Della Valle potesse avere dei vantaggi economici con una struttura di questo tipo. Così, mentre la Politica, cercava in modo elegante di sfuggire, di modificare termini e normative a proprio vantaggio, pur non essendo "investitore primario" la proprietà è stata offesa pesantemente ed incivilmente, provocandone l'allontanamento ed alla fine la dismissione. Sbaglierò, ma credo che le cose non potranno essere più eclatanti di quelle attuali. Caro Giacomo, personalmente tiferò sempre Fiorentina... Ma i Fiorentini sono e rimarranno sempre de rompicoglioni. Sono pistoiese e forse da lontano certe cose si vedono meglio... E non avrei cambiato una società certa, per una incognita... Staremo a vedere!

Giorgio